TERRITORIO

SENTIERO DELLA PONALE

Uno dei percorsi più suggestivi e panoramici del Lago di Garda.

Il sentiero della Ponale attrae sportivi, appassionati di outodoor e semplici amanti delle passeggiate da tutta Europa per godere degli splendidi scenari che offre la parte settentrionale del lago più grande d’Italia.

Un tempo questo percorso era l’unica via di collegamento tra il Lago di Garda ed un altro affascinante (dal punto di vista storico e idrogeologico) bacino lacustre: il lago di Ledro. I due specchi d’acqua dolce infatti, sono collegati da un torrente che dà il nome a questo sentiero: Ponale.

Facile e di moderata pendenza, questo percorso parte dal centro di Riva del Garda e seguendo la costa passa davanti alla storica centrale idroelettrica. Poco dopo, inizia il sentiero che si trasforma da asfalto in sterrato con pareti di roccia a tratti perforate da brevi gallerie, catapultando il visitatore in uno scenario mozzafiato fatto di strapiombi e insenature, roccia bianca contrastata dal blu intenso delle cristalline acque del Garda.

Dal 2004, questo sentiero è stato riaperto al transito di escursionisti ed appassionati di mountain bike da tutta Europa per le sue peculiarità non solo paesaggistiche ma anche storiche.

Tutto l’Alto Garda era un punto strategico di difesa sul quadrante sudoccidentale dell’impero austro-ungarico; la Tagliata del Ponale, risalente all’800, è una fortezza di quarta generazione: si tratta di forti corazzati o comunque a prova di bomba, scavati interamente nella roccia e costruiti dall’impero austroungarico a difesa degli allora territori di confine. Le sue gallerie (chiuse al pubblico se non in speciali occasioni) e una lunga scalinata costruita conducono fino a livello del lago dove i soldati potevano controllare l’arrivo dello “straniero” e difendersi attraverso le feritoie.

Una volta giunti al belvedere Ponale Alto ammirerete il panorama aprirsi ai vostri occhi e scorgerete poco più in là anche la cascata del Ponale (30 metri di altezza). Da qui potrete approfittarne anche per fare una breve pausa ristoratrice presso il locale che troverete proprio a quest’altezza del sentiero. Qui si può scegliere se salire verso la Val di Ledro o proseguire verso Pregasina. Si attraversa una profonda spaccatura alla fine della quale scorre il torrente Ponale e si raggiunge in breve la grande statua dedicata a “Regina Mundi”.

 

SUGGERIMENTI PRATICI:

L’itinerario fino alla cascata è facilmente percorribile con normali scarpe da trekking ed abbigliamento comodo. Gli appassionati di due ruote potranno godere di un sentiero senza eccessiva pendenza e dalla vista spettacolare ponendo attenzione ai pedoni specialmente in discesa durante le stagioni maggiormente frequentate da turisti (primavera-estate).

Storia, paesaggi scenografici, rocce cangianti lungo una vecchia mulattiera che percorre le pareti frastagliate del Monte Oro e della Rocchetta: il sentiero della Ponale si attesta come uno dei percorsi più ricchi di fascino di tutta Europa.